Il Comune di Licodia Eubea

Altitudine: 600 metri s.l.m.
Estensione superficie: 112 Kmq
Popolazione:
3104 abitanti
Densità popolazione: 28 per Kmq.

Cap: 95040

 

Sorta sulle rovine dell’antica Eubea, città fondata dai calcidesi di Leontinoi intorno al VII sec. a.C., si trova in posizione elevata, dominante l’alta valle del Dirillo.

Antichissima cittadina sicula subì prima l’influsso della cultura greca, poi di quella romana e, infine, si trasformò in una grossa borgata cristiana.

Durante il Medioevo al toponimo Eubea si aggiunse quello di “Licodia”, che deriverebbe dal vocabolo greco “lukos” (= lupo) ma che, secondo altre interpretazioni, sarebbe di origine araba.

Secondo alcuni, durante la dominazione saracena nell’isola il Monte di Licodia divenne presidio militare strategico fortificato, evolutosi in periodo normanno nel Castello di Licodia.

La principale chiesa del paese è la Chiesa Madre.

La pianta della chiesa madre è in stile basilicale a tre navate e dotata di tre absidi. Il presbiterio, a causa delle disposizioni del Concilio Vaticano II, subì diverse modifiche e fu eliminata l’artistica balaustra. Il prospetto, in stile barocco, venne ultimato dopo la costruzione della Chiesa avvanuta dopo il disastroso terremoto del 1693. Nella sua parte centrale alcuni elementi decorativi, capitelli, fregi, mascheroni, due medaglioni con i busti dei SS. Pietro e Paolo, tipici del tardo barocco siciliano.