DIOCESI DI CALTAGIRONE: PARROCCHIA SAN DOMENICO SAVIO SCORDIA – 25° ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA CHIESA DI SAN DOMENICO SAVIO

BOSELLI RAFFAELE ALIAS PISELLO (24/02/1937 – VIVENTE)

RAFFAELE BOSELLI ALIAS PISELLO – FRANCESCO PISANO PHOTO 2020

Siciliano di nascita, ( il suo cognome, col quale venne consciuto e apprezzato nella prima parte della sua vita artistica, era Pisello).

Segue la grande tradizione calatina del modellato.

Gli studi d’arte e il suo desiderio prorompente di sperimentare e cimentarsi  in sempre nuove esperienze lo portano a variegare i suoi campi d’ interesse, raggiungendo risultati eccelsi nelle piu’ svariate tecniche e padroneggiando con sicurezza ogni materiale.

scultore apprezzato a livello internazionale, capace di esprimersi al meglio sia nell’ambito figurativo che nel non fgurativo, ha esposto nelle piu’ prestigiose sedi e realizzato opere per numerose Città e istituzioni.

da Caltagirone dove è nato il 24 febbraio 1937, a Bembrate di sopra, a Bethlemme.

dalla Sicilia al’Italia, alla Terra Santa, ovunque vi sia amore e passione per il presepe e facile trovare un opera di Raffaele Boselli, alias Pisello.

Secondo di quattro figli, fin dalle scuole elementari dimostra una sorprendente attitudine per il disegno e l’espressione artistica, un interesse che guiderà tutta la sua esistenza futura.

Dopo la prematura scomparsa della madre , nel 1949, sarà il padre a sostenerlo ed incoraggiarlo fino ad iscriverlo ad un concorso regionale per la frequenza di un corso di perfezionamento artigiani.

Il giovane Raffaele si aggiudicherà la borsa di studio e cosi frequenterà l’istituto D’Arte di Palermo per l’anno corrente (1954) e i due successivi.

Un piccolo presepe in legno realizzato a soli 13  anni e la prima opera di Raffaele: la Natività, due Zampognari e due pecorelle.

Non poteva essere così l’inizio del percorso di un artista nella terra di tanti celebri presepisti.

Figurine in terracotta, in ceramica, plasmati da mani abili nel seguire processi e regole antiche, tramandate gelosamente da padre in figlio, da maestro ad allievo, di generazione in generazione.

In questo ambiente, in questo clima e questa tradizione, Raffaele Boselli, affonda le proprie radici e sin dalla sua prima opera annuncia la sua scelta, rivela i temi che prediligerà, mostra le tendenze del linguaggio e delle espressioni che sperimenterà, come in un manifesto artistico, inconsapevole in quel primo fiorire.

 

DIOCESI DI CALTAGIRONE: FESTEGGIAMENTI IN ONORE A MARIA SS BAMBINA E VISITA DEL RELIQUIARIO DELLA MADONNA DELLE LACRIME DI SIRACUSA

In occasione della visita del Reliquiario della “Madonna delle Lacrime” di Siracusa S.E. Mons. Calogero Peri Vescovo della Diocesi di Caltagirone e Don Salvatore Abbotto Parroco di S.Anna condividono le Loro riflessioni con la Comunità:
<<Sia il Reliquiario fonte di benedizioni e sostegno per tutti, sia segno di sicura speranza e di consolazione dopo tanti giorni di dura prova.

Chiediamo a Maria di intercedere per noi affinché possiamo ricevere il dono della pazienza, il dono dell’attenzione responsabile e solidale al bene di tutti, soprattutto delle persone più fragili.
Le Lacrime di Maria, lacrime di dolore per le sofferenze del peccato, possano divenire lacrime di gioia per la salvezza di tutti i Suoi figli.>>
+ Mons. Calogero Peri


<<Il prodigioso Reliquiario che da sempre visita le Comunità Parrocchiali è diventato un diffusissimo canale dell’amore e della grazia di Dio tramite la potente intercessione di Maria Ss.ma e del miracolo della Sua Santa Lacrimazione.
Un passaggio che sarà certamente uno straordinario momento di gioia per la nostra comunità, in un momento storico particolare segnato dalla triste esperienza che ancora stiamo vivendo della pandemia. Visiterà i luoghi simbolo che hanno vissuto e realizzato la carità e disponibilità verso i più deboli e più fragili in questo tempo di pandemia: l’Ospedale, l’Emporio della Solidarietà e le sedi delle Istituzioni presenti nel Territorio Parrocchiale.>>
Don Salvatore Abbotto

PROGRAMMA DEI 5 VENNERDI E DELLA FESTA DEL SANTUARIO DEL SIGNORE SOCCORSO IN CALTAGIRONE

CON LA GRAZIA DI DIO CI AVVICINIAMO AL PRIMO VENERDÌ DEI 5 VENERDÌ DEL SIGNORE DEL SOCCORSO CHE INIZIA IL 21 AGOSTO PRIMO VENERDÌ DOPO LA MADONNA DEL PONTE
LEGGI BENE IL PROGRAMMA CONDIVIDI
A PIÙ NON POSSO UN VERO BOMBARDAMENTO DI INFORMAZIONE PER AMORE A GESÙ DEL SOCCORSO
NOTA BENE CHE I PELLEGRINAGGI CITTADINI O PARROCCHIALI CI SARANNO NON LUNGO LA STRADA IN DISCESA MA PER I VIALI DELLA VIA CRUCIS DENTRO IL SANTUARIO …. P. Enzo Mangano

 

Diocesi di Caltagirone: Mons. Calogero Peri conferisce l’Ordine del presbiterato a Marcello Lo Bianco e Sebastiano Cristaudo

 CALTAGIRONE – Venerdì 17 luglio p.v., alle ore 19,00 nella Cattedrale di S. Giuliano, il vescovo di Caltagirone, mons. Calogero Peri, ordinerà presbiteri Marcello Lo Bianco della Parrocchia San Giuliano di Caltagirone e Sebastiano Cristaudo della Parrocchia San Giuseppe di Scordia entrambi diaconi della nostra Chiesa diocesana.
 
«Veramente il Signore non ci priva mai dei suoi doni, non fa mancare i ministri necessari per la nostra Chiesa. Come formatore – afferma don Giuseppe Federico, Rettore del Seminario – sono preso da stupore nel contemplare il suo agire: guardando a Sebastiano e Marcello, non posso che rendere grazie perché Lui, il buon Pastore, non si stanca di chiamare dal suo popolo uomini come tutti, con le fragilità di tutti, e di affidare loro i suoi tesori più preziosi, le pecore che ha redento con il suo sangue. Sebastiano e Marcello, giovani come tanti, con l’Ordinazione saranno trasformati dallo Spirito Santo, configurati a Cristo, per guidare come cooperatori del Vescovo le Comunità cristiane che saranno loro affidate, per annunciare a tutti il Vangelo di salvezza, per rendere gloria a Dio e santificare attraverso i sacramenti le loro vite. Mentre accogliamo questi nuovi presbiteri, siamo chiamati a rendere grazie al Dispensatore di ogni dono. Ma non solo. Siamo pure chiamati ad accompagnarli con il nostro affetto e la nostra stima e, soprattutto, a pregare per loro e per tutti sacerdoti, perché siano sempre vigilanti nel custodire quanto hanno ricevuto, tendano con perseveranza alla sempre più piena configurazione al mistero della Croce e, come Cristo, si facciano pane spezzato per i fratelli».
Lo Bianco Marcello 28 anni, figlio di Giuseppe e Maria Cultrera, secondo di tre figli. Ha la residenza nel territorio della parrocchia Maria SS. del Ponte di Caltagirone, dove è stato battezzato il 27 dicembre 1992 e ha ricevuto la cresima il 15 maggio 2005, ma ha fatto il suo cammino di fede in Cattedrale. Nel 2011 ha conseguito il diploma di Scuola Superiore di secondo grado presso l’Istituto Tecnico Industriale Statale “Euclide” di Caltagirone nel settore informatico – Abacus. Dopo un primo discernimento con il Rettore del Seminario del tempo don Matteo Malgioglio, il 24 settembre 2012 è stato accolto nella Comunità propedeutica di Catania. Il 18 settembre del 2013 è entrato nella Comunità del Seminario Maggiore di Caltagirone. Per la formazione teologica ha frequentato lo Studio Teologico San Paolo dove ha conseguito il Baccellierato in S. Teologia con una tesi su don Luigi Sturzo. È stato ordinato diacono il 4 luglio 2019.
Cristaudo Sebastiano 27 anni, figlio di Salvatore e Sole Giuseppina. Ha un fratello più grande e una sorella più piccola. Battezzato il 22 gennaio 1995, ha percorso il cammino di fede nella parrocchia San Giuseppe, dove ha ricevuto le Cresima il 21 ottobre 2006. Qui ha ricevuto la sua prima formazione. Si è diplomato nel 2012 presso il Liceo Scientifico “Ettore Majorana” di Scordia, indirizzo psico-pedagogico. Dal settembre del 2012 ha vissuto l’anno propedeutico presso la Comunità propedeutica del Seminario Arcivescovile di Catania; nel 2013 è stato accolto nel nostro Seminario; ha conseguito il baccalaureato in S. Teologia presso lo Studio Teologico San Paolo di Catania dove sta completando il corso di Licenza in Teologia Spirituale. Anche Sebastiano è stato ordinato diacono il 4 luglio 2019. Ha vissuto il periodo della pandemia a Scordia, impegnandosi nell’attenzione ai bisognosi e in iniziative culturali sulle piattaforme Facebook e Whatsapp  (“I Decijorni”, un Decameron siciliano).
La solenne concelebrazione sarà trasmessa sui Canali YouTube e Facebook della Diocesi di Caltagirone e su TeleVita (Canale 210). Per l’occasione, inoltre, sarà predisposto un maxischermo in piazza Umberto. L’Ordinazione di don Marcello e don Sebastiano precede solo di qualche settimana quella di don Rudy Montessuto e don Andrea Limoli che è stata opportunamente programmata, a causa dell’emergenza Covid che chiede di contingentare le presenze nei luoghi di culto, per i primi giorni del mese di agosto.

Il volto della Caltagirone generosa e solidale: attestati a chi ha dato una mano durante l’emergenza – Coronavirus. Il plauso e gli impegni del sindaco, del vicesindaco e del presidente del Consiglio comunale

Caltagirone ha detto grazie a chi ha dato una mano durante i momenti più difficili dell’emergenza – Coronavirus. L’ha fatto con la cerimonia svoltasi all’interno della Galleria “Luigi Sturzo”, tradottasi nella consegna degli attestati di benemerenza alla Polizia municipale, alla Protezione civile, ai Servizi sociali, alla Diocesi, alla Croce rossa, al Gruppo comunale, alle associazioni impegnate in prima fila e a quanti altri, con generosità, hanno fornito il proprio apporto.
 
Sono stati il sindaco Gino Ioppolo, l’assessore al Welfare e vicesindaco Concetta Mancuso e il presidente del Consiglio comunale Massimo Alparone a esprimere sentimenti di gratitudine e un auspicio che è, nel contempo, un impegno: quanto costruito – hanno sottolineato i tre nei loro interventi – rappresenta la forza più significativa della nostra comunità, un patrimonio di valori importante che non va disperso, anzi va alimentato ogni giorno.
Lascia un messaggio
Loading...